Articoli
11 novembre 2022

Chi è probabilmente Satoshi Nakamoto, l'inventore del Bitcoin?

Chi è probabilmente Satoshi Nakamoto, l'inventore del Bitcoin?

Vi presentiamo il fondatore di Bitcoin

Nel 2008 è apparso il whitepaper Bitcoin, che illustrava la necessità di cambiare il sistema finanziario mondiale e proponeva le criptovalute, in particolare il Bitcoin, come percorso alternativo per offrire un'economia equa e trasparente.

L'avvincente tesi e il whitepaper di Satoshi Nakamoto hanno iniziato ad attirare l'attenzione. Oggi è riconosciuto come il luogo di nascita dell'adozione di massa delle criptovalute. Considerando l'incredibile impatto dell'esistenza del Bitcoin, è giusto che gli investitori in criptovalute di tutto il mondo vogliano riconoscere il suo creatore.

Tuttavia, non è così facile. Satoshi Nakamoto è un personaggio sfuggente. Ad oggi, nessuno è in grado di rispondere con certezza al 100% alla domanda su chi sia Satoshi Nakamoto. Tuttavia, in questo articolo discuteremo le diverse teorie che sono state presentate nel corso degli anni.

Quindi, passiamo alla ricerca di Satoshi Nakamoto.

Quanti Bitcoin possiede Satoshi?

Probabilmente penserete che il fondatore di Bitcoin sia incredibilmente ricco: la vostra ipotesi è corretta. È una delle persone più ricche del mondo.

Il bello delle criptovalute è la loro trasparenza. Grazie a questa, chiunque è in grado di vedere quanti Bitcoin sono presenti in qualsiasi portafoglio e le transazioni effettuate con quell'indirizzo.

Satoshi detiene circa il 5% di tutti i Bitcoin estratti. 1 Bitcoin, al suo massimo storico, costava 68.789,63 dollari e Satoshi ne ha 1 milione nel suo portafoglio, quindi la sua ricchezza è astronomica.

Ciò che può sorprendere è che nessuna transazione è mai stata effettuata da questo portafoglio. Sin dall'inizio, Satoshi ha detenuto questa grande percentuale di Bitcoin, a riprova della sua convinzione e dedizione alla tesi del whitepaper che aveva presentato in origine.

Il patrimonio netto di Satoshi Nakamoto è di circa 48 miliardi di dollari.

Chi è il vero Satoshi Nakamoto?

Come già detto, Satoshi Nakamoto è un personaggio sfuggente. È quasi certo che abbia usato uno pseudonimo per scrivere il whitepaper, comunicare nei forum e creare Bitcoin. Ad oggi, nessuno sa se Satoshi sia un uomo, una donna, un individuo o un gruppo.

A differenza di altre criptovalute, come Ethereum, il cui fondatore è Vitalik Buterin - una figura molto pubblica - Satoshi è scomparso quasi subito dopo la comparsa di Bitcoin.

Il 26 aprile 2011 è stata l'ultima volta che si sono avute notizie di Satoshi Nakamoto. Nel suo ultimo messaggio ha dichiarato:

"Vorrei che la smetteste di parlare di me come di una misteriosa figura oscura. La stampa lo trasforma in una prospettiva di valuta pirata. Magari invece parlate del progetto open-source e date più credito ai collaboratori. Aiuta a motivarli".

A giudicare da questo messaggio, Satoshi ha fatto un passo indietro per dare maggiore legittimità al progetto Bitcoin e creare fiducia, piuttosto che permettere che il suo scopo venga diluito dall'essere guidato da un personaggio misterioso e senza volto.

Alla ricerca di Satoshi Nagamoto - Chi potrebbero essere?

Ok, conosciamo alcuni fatti sul misterioso Satoshi Nakamoto che potrebbero restringere il campo dei luoghi in cui ha vissuto e di dove è originario o ha studiato.

Utilizzando gli orari dei primi post di Satoshi, si pensa che Satoshi vivesse nel Regno Unito o sulla costa occidentale o orientale degli Stati Uniti. Si tratta comunque di un'area vasta da coprire e non ci sono prove concrete di questo, ma restringe la ricerca.

Un altro elemento di prova nella ricerca di Satoshi è l'uso di ortografie britanniche e del Commonwealth nei loro post. Un esempio è l'aggiunta di una U in color/colour.

Craig Wright

La prima persona a dichiarare pubblicamente di essere Satoshi Nakamoto è stato l'informatico australiano Craig Wright. In realtà, molte persone hanno affermato di esserlo, ma lui è stato il primo a essere preso sul serio.

Sebbene due riviste abbiano pubblicato articoli in cui si ipotizzava che fosse Satoshi, questa teoria è stata ampiamente respinta. Tuttavia, egli continua a sostenere di essere Satoshi. Ha perfino messo sotto copyright il whitepaper di Bitcoin e il primo codice negli Stati Uniti.

Sfortunatamente per Craig Wright, questo non costituisce una prova che egli sia Satoshi, poiché chiunque può tentare di mettere sotto copyright qualsiasi cosa, specialmente se non c'è nessuno che possa contestare il deposito.

Hal Finney

Hal Finney è stato uno dei primi e più ovvi sospettati di essere Satoshi Nakamoto. Il crittografo è stato il primo a ricevere un Bitcoin, direttamente da Satoshi. Ben presto ci si è chiesti se fosse Satoshi a inviare Bitcoin a se stesso.

Inoltre, come ulteriore novità, Hal è stato il primo a scaricare ed eseguire il software di mining di Bitcoin. Tuttavia, ha affermato che il suo computer si surriscaldava e l'ha spento.

In realtà, probabilmente non sapremo mai se Finney è Satoshi. Nel 2014, all'età di 58 anni, è morto. Fino alla data della sua scomparsa, ha sostenuto di non essere Satoshi Nakamoto.

Dorian Nakamoto

Nel 2014 è stato affermato che il fisico nippo-americano Dorian Nakamoto fosse in realtà Satoshi. Tuttavia, egli si è affrettato a negare le voci e gli articoli pubblicati su di lui.

La rivista che ha pubblicato l'articolo ha commesso un grave errore di valutazione includendo un'immagine della casa di Nakamoto. Questo ha spinto la comunità Bitcoin ad avviare una campagna di raccolta fondi per sostenere lui e la sua famiglia. Uno dei grandi vantaggi del Bitcoin e delle criptovalute è l'anonimato. Quando i media hanno violato la privacy di Dorian, questo non è andato giù ai Bitcoiners.

In sintesi

Allora, chi è Satoshi Nakamoto? Onestamente, non lo sappiamo. Tuttavia, esistono diverse teorie plausibili e molte sono state sfatate. Nel complesso, che si scopra o meno la sua vera identità, la comunità e la società hanno molto da ringraziare.

A te Satoshi, chiunque tu sia e ovunque tu sia.

Iscriviti alla nostra newsletter oggi stesso!

Grazie per esservi iscritti alla nostra newsletter.
Oops! Qualcosa è andato storto durante l'invio del modulo.